L’orso scende in politica

Ebbene si!
L’orso entra d’imperio nella politica pettoranese.
Lo fa attraverso uno scritto dell’assessore alla cultura, Pasquale Orsini, nel corso del Consiglio comunale del 26 settembre u.s.
Ricorderete che all’ordine del giorno della seduta c’era anche il punto “comunicazioni del sindaco”. Tra queste il primo cittadino ha portato a nostra conoscenza le azioni promosse dall’amministrazione per affrontare l’emergenza indotta dalle visite di alcuni esemplari di Orso bruno marsicano nelle zone abitate del centro storico e delle frazioni.
Non entro nel merito dell’elencazione di questi atti, spesso esclusivamente di carattere  burocratico, anche perché, ad oggi, non hanno prodotto nessun risultato.
Devo invece soffermarmi sul documento prodotto dall’assessore Orsini, condiviso dalla intera maggioranza a posteriori.
Dopo la lettura del testo dal titolo Rapporto tra uomo e orso. Per discutere di cose da fare, l’assessore Marzuolo, già sindaco per 11 anni, ed il suo successore Berarducci, già vice sindaco, hanno invitato l’assise comunale a condividere unanimemente il documento appena proposto dall’assessore Orsini, incontrando ovviamente la ferma indisponibilità della minoranza.
La condivisione di un documento, infatti, non può prescindere dalla conoscenza preliminare di uno scritto, e questa, tanto per cambiare, non c’era stata -nella maniera più assoluta- (sic!).
Come si può accettare il contenuto di un documento ascoltato in pochi minuti?
Come si possono fare proprie delle accuse fatte a non si sa chi di aver assunto comportamenti strumentali alla incombente campagna elettorale?
Chi sarebbero i soggetti che perseguono obiettivi elettorali secondo una logica vecchia di almeno venti anni?
Noi non siamo stati capaci di dare una risposta a tali quesiti, tant’è che io stesso ho chiesto alla maggioranza di rendere esplicite tali affermazioni.
La risposta è stata … il silenzio!
Devo supporre che l’assessore Orsini si riferisse a qualcuno dei componenti la maggioranza, visto che tra le sue fila ci sono numerosi “politici” di lungo corso, ma di questo non ho certezza.
Lascio a voi l’analisi del documento, cui vi rimando (per la lettura clicca qui), mentre credo sia opportuno riassumere qual è stato l’oggetto del mio contributo alla discussione sulla presenza dell’Orso nell’abitato.
Solo tre sono i punti che ho portato all’evidenza, e precisamente:
1) L’assenza di una “linea unitaria” degli amministratori e dei consiglieri di maggioranza sull’intera vicenda, con il risultato grottesco che qualcuno ha finito per criticare aspramente organismi direttamente sotto il controllo del Comune (vedi Riserva Monte Genzana Alto-Gizio).
2) La totale latitanza della amministrazione municipale sui mass media riguardo la vicenda dell’uccisione dell’orso. Circostanza questa gravissima, perché ha lasciato libero spazio al pensiero dei singoli, non senza attacchi contro la popolazione residente, additata come anti orso e genericamente  irrispettosa dell’ambiente.
3) Il totale abbandono della popolazione residente. Non c’è stata infatti nessuna iniziativa volta ad informare i cittadini sul come affrontare l’emergenza per la contemporanea presenza di più orsi confidenti, sia in termini di atteggiamenti e comportamenti da assumere in caso di un incontro con il plantigrado, sia in termini di presidi da mettere in opera per evitare le sue incursioni nei pollai e nei frutteti.

Un atteggiamento di questo tipo da parte dell’amministrazione, unito ad un vulnus normativo in materia di presenza di animali selvatici nelle zone esterne ai Parchi ed alle loro zone di rispetto, lascia inerme e confusa la popolazione residente, tanto da indurre qualcuno ad un atteggiamento ostile e purtroppo anche cruento nei confronti dell’Orso, la cui unica colpa è quella di essere diventato “confidente” con l’uomo, proprio come Yoghi e Bubu nei cartoni animati di Hanna-Barbera.
Non può essere questo l’atteggiamento da seguire per tutelare l’Orso bruno marsicano!
Non è possibile teorizzare che l’uomo e l’Orso convivano stabilmente nello stesso spazio antropizzato, anche se la presenza di questa specie protetta nel nostro territorio rappresenta un valore aggiunto. Era proprio questo l’obiettivo prefissato quando nel 1996 fu deciso di investire sulla creazione della Riserva Monte Genzana Alto-Gizio, corridoio naturale tra il Parco Nazionale d’Abruzzo ed il Parco Nazionale della Maiella.
Ora che tale risultato è stato raggiunto non si può vanificare lo sforzo profuso negli anni facendoci trovare impreparati, limitandoci a rincorrere gli eventi.
E’ mancata la programmazione di quello che si sarebbe dovuto fare nel caso in cui l’Orso si fosse avvicinato troppo alle zone antropizzate, pericolose tanto per lui -che per indole è indisponibile alla socializzazione-, quanto per l’uomo -che non è abituato a condividere i propri spazi e le proprie cose con gli animali selvatici.
In assenza di un chiaro disposto normativo che indichi gli strumenti da attivare per evitare la presenza dell’Orso nei centri abitati, dobbiamo essere parte attiva, TUTTI.
Dobbiamo informarci e divulgare le tecniche a disposizione per tenere l’Orso lontano dalle case, promuovendo al contempo ogni iniziativa atta a sensibilizzare il Ministero dell’Ambiente e tutti gli Enti preposti alla tutela della fauna selvatica ad intervenire sul panorama legislativo al fine di colmare il vuoto esistente.
Dobbiamo insomma operare in sinergia per garantire la sopravvivenza dell’Orso bruno marsicano, lontano dalle zone antropizzate.
Yoghi-BubuE comunque … IO VOTO PER L’ORSO!

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in News

Sei responsabile di ciò che scrivi.

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...