Sulla residenza “di comodo”

Sono anni che la minoranza sollecita il sindaco e la sua compagine di governo sulla necessità di compiere una verifica dei residenti, soprattutto nel centro storico, dove alcune case risultano disabitate contrariamente a quanto rilevabile dall’anagrafe.

Proprio ieri 22.01.2014 nel corso di un’audizione in Commissione di vigilanza sull’Anagrafe TributariaAttilio Befera  (leggi link) ci da ragione quando denuncia: “Negli ultimi anni sono aumentati i coniugi con più case. In certi frangenti si è avuto lo spostamento della residenza di uno dei due per evitare la tassazione sul secondo immobile: è una patologia tutta Italiana, che i Comuni sembrano non saper tamponare. Gli basterebbe intervenire effettuando normali controlli incrociati: perchè i Comuni danno residenza se non c’è la separazione tra i coniugi?”.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in News

Sei responsabile di ciò che scrivi.

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...